Dettagli
Giovedì 28 Ottobre 2021 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
cocopro, il ministero fissa le regole: i requisiti del progetto
 
COCOPRO, IL MINISTERO FISSA LE REGOLE: I REQUISITI DEL PROGETTO
cocopro, il ministero fissa le regole: i requisiti del progetto
Dettagli
 
Acquista questo spazio
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: http://lavoro.economia.virgilio.it
Attualità, ITALIA

Cocopro, il ministero fissa le regole: i requisiti del progetto e le professioni escluse

Il progetto deve avere un obiettivo preciso e verificabile. Quindi niente Cocopro per call center, imprese di pulizie, edilizia ecc. Ecco la black-list delle professioni

Vita più difficile per le aziende che utilizzano i Cocopro. Può sembrare una banalità, ma per un contratto di collaborazione a progetto ora serve un vero "progetto". E ci sono lavori che un progetto non possono averlo, per definizione. Lo sostiene il ministero del Lavoro che elenca in una black-list le professioni che non è possibile svolgere come Cocopro.

Sono le regole fissate dalla circolare n. 29 dell'11 dicembre 2012 che fornisce alcuni chiarimenti operativi sulle novità introdotte dalla
riforma del lavoro Fornero e in particolare sulle collaborazioni a progetto. La riforma ha modificato la "filosofia" dei contratti a progetto, spesso utilizzati per coprire rapporti che hanno tutte le caratteristiche del lavoro subordinato, ponendo quattro requisiti fondamentali:

• il progetto specifico, che non può essere la pura riproposizione dell'oggetto sociale;
• la durata, che dev'essere determinata (una data specifica) o determinabile (al raggiungimento del risultato);
• il corrispettivo, che deve avere un minimo stabilito calcolato sulla base delle retribuzioni dei dipendenti con mansioni analoghe;
• il coordinamento del lavoratore con il committente.

Il progetto e la black-list dei mestieri

La circolare specifica innanzitutto le caratteristiche del progetto: dev'essere specifico e determinato dal datore di lavoro o dallo stesso collaboratore, deve indicare esplicitamente il risultato da raggiungere, che deve essere oggettivamente verificabile. In sostanza il progetto, pur rientrando nell'attività complessiva dell'impresa, deve avere contenuti e obiettivi autonomi.

La logica conseguenza è che il collaboratore non deve svolgere compiti puramente esecutivi o ripetitivi. Ma il ministero del Lavoro non si limita ad enunciare il principio ma si prende la briga di individuare le singole professioni per le quali non è possibile stipulare un contratto a progetto, proprio perché non si prestano a una "progettualità", e vanno necessariamente ricondotte nell'ambito del rapporto di subordinazione.

Ecco l'elenco delle mansioni escluse dal Cocopro (che secondo lo stesso ministero è esemplificativo e non esaustivo):

• distributori di giornali e riviste
• addetti alle agenzie ippiche
• addetti alle pulizie
• autisti e autotrasportatori
• baristi e camerieri
• commessi e addetti alle vendite
• custodi e portieri
• estetiste e parrucchieri
• facchini
• istruttori di autoscuola
• letturisti di contatori
• magazzinieri
• manutentori
• muratori e altre qualifiche operaie dell'edilizia
• piloti e assistenti di volo
• addetti al settore agricolo
• addetti alle attività di segreteria e terminalisti
• addetti alla somministrazione di cibi o bevande
• addetti ai call center per servizi "inbound" (di risposta).


Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2021 * Tutti i diritti riservati