Dettagli
Martedì 25 Settembre 2018 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
carabiniere arrestato, aveva anche armi nascoste
 
CARABINIERE ARRESTATO, AVEVA ANCHE ARMI NASCOSTE
Zoom IMMAGINE
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Gazzetta Del Sud
Cronaca, PROVINCIA

Era un uomo di Cosa Nostra a tutti gli effetti, uno di provata fiducia tanto da custodire per conto della mafia barcellonese armi, munizioni e droga. Il piccolo particolare è che Francesco Anania, 48 anni era un servitore dello Stato, un Carabiniere per alcuni anni in servizio di scorta anche ai magistrati della DDA di Messina. Ad inchiodarlo le nuove clamorose rivelazioni del nuovo pentito di mafia il boss di Cosa Nostra BARCELLONESE Carmelo D’Amico che da alcune settimane sta riempiendo pagine e pagine di verbali. Il padrino sta consentendo agli inquirenti di far luce su ben 45 omicidi commessi nella zona tirrenica della provincia durante la guerra di mafia degli anni 90.

Per questo da giorni si scava nei greti dei torrenti Patrì fra Rodì Milici e Terme Vigliatore e Idria a Barcellona alla ricerca dei resti di alcune vittime della lupara bianca. E come credenziale al suo pentimento D’Amico ha raccontato al sostituto procuratore della DDA, Giuseppe Verzera di quell’uomo in divisa così vicino agli affari della cosca del Longano. Da ieri le ruspe dei Vigili del Fuoco stanno scavando, su indicazione del boss pentito, in contrada Bastione a Milazzo attorno alla casa di Anania. Ieri sono stati ritrovate tre pistole, un kalashnikov ed un altro fucile. Stamattina sono venuti alla luce un altro fucile e moltissime munizioni custodite in alcuni fusti sepolti sotto terra.

Ma ieri era stato arrestato anche il figlio del carabiniere, Cristian, 22 anni che cercava di allontanarsi con 200 grammi di cocaina e 300 di marijuana ed il nipote Felice. Il primo è stato subito sentito dal gip di Barcellona Anna Adamo che ne ha disposto la scarcerazione. Doveva rispondere solo della detenzione di droga mentre il nipote del Militare Felice, è accusato del possesso di armi e munizioni. Adesso Francesco Anania è rinchiuso nel carcere di Gazzi per rispondere della detenzione delle armi e della droga con l’aggravante di aver agevolato la mafia barcellonese. Ma ora gli inquirenti vogliono scoprire se abbia rivestito altri ruoli all’interno dell’associazione e in particolare se abbia passato informazioni riservate a Cosa Nostra approfittando del suo lavoro di Carabiniere in particolare negli anni in cui ha frequentato la DDA di Messina.
Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2018 * Tutti i diritti riservati