Dettagli
Sabato 17 Novembre 2018 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
sicilia: l'emergenza clandestini non accenna a fermarsi.
 
SICILIA: L'EMERGENZA CLANDESTINI NON ACCENNA A FERMARSI.
Zoom IMMAGINE
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
POSTATA DA: Scaffidi Catrinella Lorenzo
Attualità, PALERMO

Sono oltre 2000 i migranti sbarcati nelle coste siciliane in questi giorni. L’emergenza immigrazione torna dunque prepotentemente nelle cronache isolane. Gli ultimi arrivati sono i 528 migranti sbarcati da poche ore nel porto di Palermo, soccorsi la scorsa notte  nell’ambito dell’operazione Mare Nostrum. Tra loro anche 60 minori nordafricani fra i 14 ed i 17 anni.

La situazione si fa sempre più critica e con l’arrivo del bel tempo c’è da aspettarsi un’impennata di ulteriori sbarchi clandestini, mentre le condizioni dei centri di accoglienza temporanea sono sempre più deprecabili e la popolazione locale chiede aiuto allo Stato ed all’Unione Europea, interlocutori purtroppo assenti rispetto a quanto richiesto dall’emergenza.

Il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini analizza l’attuale situazione, intervistata dal Corriere della Sera: “Di fronte all’arrivo di immigrati il Papa ha detto di aprire i conventi. Noi diciamo di aprire le caserme, tanti edifici pubblici”.

“Qui non abbiamo più dei veri centri di accoglienza – prosegue la Nicolini – nè quello di Lampedusa potrà risolvere i problemi perchè, non appena finiranno i lavori di ristrutturazione e riaprirà, avremo appena 450 posti. Declassati da 800 a 450″.

Dunque secondo il sindaco di Lampedusa, “bisogna ripensare ad una strategia completa. Con navi che non debbono salvare i migranti in mezzo al mare, ma che debbono farli salire a bordo nei porti di Tripoli o di altre città africane dopo una selezione, tagliando così il business dei trafficanti”.
Al sindaco risponde il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, che parla di fallimento dell’operazione Mare Nostrum e si dice pronto a presentare in Parlamento una proposta di sospensione della stessa. Anche il governatore leghista Luca Zaia interviene: “Mare Nostrum è una sconfitta e un fallimento per tutti: per i profughi, trattati come carne da macello da scafisti senza scrupoli. Per il Governo italiano che ha di fatto messo a disposizione lo strumento ideale per permettere a questi criminali di organizzare al meglio i loro sporchi traffici; per un Europa sempre sorda e lontana”.

Ottemperare la giusta soluzione tra i diritti dei migranti e quelli della popolazione locale non è facile, ma è indispensabile di fronte ad una situazione che rischia di divenire insostenibile. Manca poco alle elezioni europee. L’auspicio è che la Sicilia sia finalmente aiutata dagli organismi sovranazionali nell’affrontare il problema immigrazione.
Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2018 * Tutti i diritti riservati