Dettagli
Domenica 23 Settembre 2018 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
solidarietà 'massim(a)' a scomunicando per la sua 'lesa maestà'.... ?!
 
SOLIDARIETÀ 'MASSIM(A)' A SCOMUNICANDO PER LA SUA 'LESA MAESTÀ'.... ?!
Zoom IMMAGINE
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Salvatore Calà
Attualità, SINAGRA (ME)

Il discorso chiaro, lineare, pesato e puntuale che il Prefetto di Messina Stefano Trotta ha fatto nell'aula consiliare di Sinagra, si è lasciato, purtroppo, alle spalle una scia di polemiche, interpretazioni e commenti politici al vetriolo che mal si conciliano con gli intenti istituzionali che il più alto rappresentante provinciale del Ministero dell'Interno ha voluto comunicare.

Ad “aprire le danze” alcuni articoli sui media locali che hanno riportato, com'era giusto che fosse, le parole del sindaco Vincenza Maccora e completamento ignorato invece le parole di Trotta che, oltre ad essere il Prefetto era pure l'ospite d'onore.

Gonfaloni, calendari, quadri e “coreografie” varie hanno “riempito” lo spazio che secondo i canoni classici del giornalismo dovevano essere prioritariamente riservati, a Sua Eccellenza.

Il Prefetto è il Prefetto e il suo dire “reclamava” lo spazio mediatico dovuto, (anche chi scrive, ha scritto).

Qui una considerazione professionale è d'obbligo.

Se una visita prefettizia di cortesia ad un piccolo comune merita 15 righe su un quotidiano regionale, una colloquio preliminare ne reclama trenta, magari per dire se l'incontro si è svolto a porte chiuse, se c'erano o meno gli assessori e i consiglieri, cosa è stato detto o discusso ...-

Se poi la notizia è riportata a livello locale righe e particolari si moltiplicano(effetto Pathos) e ci stanno magari “orpelli” di vario tipo.

Ma torniamo alle polemiche che questa volta, manco a dirlo, trovano spazio su facebook e investono il collega Massimo Scaffidi che ha sintetizzato alcuni interventi del Prefetto e in particolare queste parole “Il sindaco, appena eletto, deve lasciarsi alle spalle la campagna elettorale e confrontarsi con la nuova realtà di governo dell'Ente.

Appena riceve la fascia tricolore, non è più l'esponente di una parte, ma di tutta la collettività”.

Subito dopo, su facebook (e qui tutto viene dato con il benefico dell'inventario perché face non è certo un sito istituzionale), l'interpretazione del consigliere Anna Fogliani:”veramente il Prefetto non si riferiva al Sindaco ma a coloro che non si rassegnano di avere perso le elezioni”.

A chiarire poi era stato il sindaco: “qualcuno ha voluto dare una propria interpretazione alle parole di S.E. senza neanche averle ascoltate. La sua presenza nella sala consiliare gli avrebbe consentito di notare che, dopo il mio intervento, i consigliere di opposizione, seduti in prima fila, hanno incrociato le braccia.

Ed ecco la considerazione del Prefetto che quando il sindaco indossa la fascia tricolore, non è più l'esponente di una parte, ma di tutta la collettività".

Subito dopo la “frecciatina a Scomunicando:

“Al Direttore di Scomunicando poi faccio presente, anche se sono spiacente di arrecargli un dolore, che il Prefetto, il quale ha accolto con favore l'invito a tornare a Sinagra, non lo farà di certo per l'interrogazione della Borsellino.” Insomma, par di capire, che il Prefetto abbia detto quelle parole perché l'opposizione non aveva “applaudito” il precedente intervento del Sindaco.

Alcuni dei restanti commenti non trovano spazio in queste righe in quanto volgarità e insulto.

Fosse stata “incapacità di esprimere concetti politici finiti” la cosa sarebbe stata diversa, nel dubbio cassiamo.

Ma cosa ha detto testualmente il Prefetto? Si riferiva a qualcuno in particolare?

Non è dato al cronista di saperlo.

Può intuirlo, leggere nelle righe, aggiungere un tassello e poi, per una corretta chiave di lettura mancano, magari al momento alcuni passaggi fondamentali.

E “Scomunicando” non ha dato interpretazioni, ha solo raccontato.

Lecito farlo come i commenti dei lettori, la solidarietà che il gruppo consiliare “Uniti per crescere” ha dato al direttore di “Scomunicando”; lecita, è tutelata dalla legge, la vicinanza giornalistica di chi scrive, del collega Domenico Orifici e del direttore del “Quadrifoglionews.it” il giornalista Salvatore Calà al direttore Massimo Scaffidi.

Ciò che sicuramente non sono leciti sono gli insulti poveri ed infimi.

Informazione, critica, commento, magari satira, sono appannaggio del giornalista in quella variegata platea che commenta e così facendo “crea” la notizia.

Ma cosa ha detto veramente il Prefetto a proposito del ruolo del sindaco oggettivamente inteso?

Eccolo testualmente!

“Il confronto politico necessario ci vuole ma finisce nel momento in cui si chiudono le urne e si assegna la fascia tricolore ad uno dei candidati.

Il giorno dopo il nuovo sindaco diventa automaticamente non più l'esponente di parte ma diventa il sindaco di tutta quanta la collettività” .

Che non “puntasse” alla minoranza sembrano dirlo la seconda parte del discorso: “Il sindaco assieme alla sua giunta con il confronto dialettico del Consiglio comunale svolgerà il programma per cui è stato eletto”.

A volte le frasi colpiscono, accarezzano l'animo, coniugano libertà e democrazia, diventano baluardo ai rigurgiti del passato, disegnano il cammino della storia.

Questo ho colto nella frase che Stefano Trotta, Prefetto di Messina, ha rivolto al Presidente del Consiglio Michele Pintabona. “La sala consiliare è il luogo dove “si forma la democrazia” della città”.

Enzo Caputo

Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2018 * Tutti i diritti riservati