Dettagli
Martedì 21 Agosto 2018 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
il movimento cinque stelle presenta un piano rifiuti 'temporaneo'
 
IL MOVIMENTO CINQUE STELLE PRESENTA UN PIANO RIFIUTI 'TEMPORANEO'
Zoom IMMAGINE
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Salvatore Calà
Politica, BROLO (ME)

L'editore di questo giornale online si riserva la possibilità di pubblicare integralmente i contenuti di avvisi e comunicati stampa inviati da istituzioni, enti, soggetti politici, associazioni, etc. In tal caso il gestore declina qualsiasi responsabilità derivante dai contenuti dei comunicati. Per correttezza e trasparenza nei confronti dei lettori e dei diretti interessati, ogni qual volta saranno pubblicati integralmente comunicati e avvisi scritti da terzi nell’incipit dell’articolo sarà riportata la dicitura “Riceviamo e pubblichiamo” oltre, ovviamente, alla firma del comunicatore in calce al testo riportato.

Riceviamo & Pubblichiamo *

Ill.mo
Commissario del Comune di Brolo,
Dott. Carmelo Marcello Musolino
Via Dante Alighieri
98061 – Brolo (ME)

Oggetto: Nuovo Piano Rifiuti “Temporaneo”.

Come già avevamo annunciato a mezzo stampa, noi attivisti del MoVimento 5 Stelle Nebrodi abbiamo ritenuto opportuno suggerire alla S.V., l’adozione di un piano “temporaneo” per l’attivazione della raccolta differenziata.

Il progetto ha l’Obiettivo di raggiungere i livelli minimi previsti dalla normativa vigente in materia, oltre che ovviamente la salvaguardia dell’ambiente; la contrazione dei costi di conferimento in discarica dei rifiuti indifferenziati; il miglioramento del servizio in termini qualitativi; la maggiore pulizia del centro abitato e la riduzione delle tariffe.

Quattro sono i punti cardine:

1) Risparmi per i cittadini e per il Comune di Brolo;

2) Individuazione di appositi centri di stoccaggio comunali (per i quali ci riserviamo di suggerirne qualcuno);

3) Nuovo impiego in tal senso di quei dipendenti che per i noti tristi motivi rischiano di perdere il lavoro;

4) No affidamento del servizio a ditte esterne o comunque ridurlo quanto più possibile;

Ma prima di entrare più nel dettaglio del suddetto piano, vogliamo sottolineare che il Comune di Brolo in questi anni si è distinto tra i diversi Comuni nebroidei per una gestione dei rifiuti costosa e inefficiente, conveniente soltanto per quei privati, i quali poi sono stati le solite facce note dell’universo politico “laccotiano” protrattosi dal 1997 fino a due mesi fa (e vogliamo veramente sperare che sia finito in modo definitivo!).

Da questo punto di vista, pur ammettendo che rispetto alla data di prima presentazione del nostro piano rifiuti (novembre/dicembre 2012) l’ormai ex amministrazione comunale aveva fatto qualche passo in avanti sul tema in
questione attraverso la presentazione di un proprio piano, va rilevato tuttavia che quest’ultimo ci sembra lacunoso, troppo costoso e abbastanza vago, visto che diversi punti sono stati lasciati in sospeso.

Primo fra tutti il capitolo conferimento. Non sono specificati i luoghi e quindi i connessi costi per il conferimento delle diverse frazioni. A questo proposito un nostro punto fermo è che il comune dovrebbe creare dei propri centri di stoccaggio.

Altro capitolo fortemente dubbio è quello dei Costi. I costi per la raccolta differenziata calcolati nel piano presentato dall’ex amministrazione sono troppo elevati e ci appaiono non analitici. Infatti si può facilmente capire che sulla base di un’elementare regola economica che distingue costi fissi/costi variabili e sulla base di benefits connessi agli accordi con i consorzi di filiera il costo complessivo della raccolta rifiuti scende al crescere della percentuale della raccolta differenziata.

Un discorso simile manca nel piano presentato dall’ex amministrazione visto che nel “QUADRO RIEPILOGATIVO DEI COSTI” (punto B) il costo totale della raccolta porta a porta è di 390.390,26 euro.

Numeri che innanzitutto ci sembrano marcatamente troppo elevati, visto che quasi 400 mila euro sarebbero necessari per la sola raccolta porta a porta, e poi sorge spontanea le seguenti domande: in quei 390 mila euro sono stati calcolati i relativi ricavi che deriverebbero dagli accordi con i consorzi di filiera? Se sì, a quale livello di differenziata si riferiscono questi costi? Come mai il Comune di Brolo ha costituito l’ARO da solo, senza ritenere opportuno realizzarlo consorziandosi con altri comuni?

Per questo e per tanti altri motivi, abbiamo ritenuto necessario presentare alla S.V., il nostro “temporaneo” Piano Rifiuti.
Siamo convinti, infatti, che sulla base dei principi di efficienza, efficacia, trasparenza, economicità, l’avvio di tale metodo di raccolta del rifiuto, in un periodo in cui Brolo sta attraversando un momento difficile, possa concretamente rappresentare un forte punto di partenza per RI-assicurare la sostenibilità economica del comune.

Perché il rifiuto è una risorsa che non deve essere sprecata.

on la presente, si depositano, altresì, quattro allegati con i quali si descrivono nel dettaglio i punti specifici del suddetto piano, i quali, dopo una attenta analisi, potranno a Vostra discrezione essere presi in considerazione nei limiti del possibile.
Distinti saluti

Basilio Scaffidi, Simone Luca Reale, Paolino Ricciardo,
Silvio Ricciardo, Salvo Scolaro, Adriano De Fraia,
Antonella Sapienza, Salvatore Bruno

Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2018 * Tutti i diritti riservati