FLORESTA (ME) - LA FRATTURA NEL TERRENO È SOLO UN FENOMENO CARSICO
DATA NOTIZIA: 01/02/2013 - FONTE NOTIZIA: www.gazzettadelsud.it
 

Chissà se nel sottosuolo di Floresta c’è una grotta carsica, magari suggestiva ed intrigante come quella di Frasassi  nell’Anconitano o di Castellana nelle Murge. Se lo sarà chiesto il sindaco di Floresta, il comune più alto della Sicilia con i suoi 1275 metri sul livello del mare, quando ha ricevuto la diagnosi, da parte dell’equipe dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Catania,  sulla natura della fessura che si pensava fosse un geyser e scoperta alcuni giorni fa. Ed invece si tratta di uno sfiatatoio di una grotta carsica, di quelle che si sono formate millenni fa sotto la spinta della crosta terrestre che ha lasciato dei vuoti negli strati sotterranei.

Le rocce carsiche si formano in ambienti sottomarini ed è noto come anche nelle montagne dei Nebrodi nel passato siano stati rinvenuti resti di sedimentazione di  carbonato di calcio prodotto dal disfacimento di alghe, gusci di molluschi, plancton, e di quello normalmente contenuto nell'acqua di mare.

Ieri una vera “task force” di esperti, il geologo Domenico Patanè direttore dell’Ingv catanese e l’esperto dello stesso Istituto, Mauro Coltelli, gli uomini della Guardia Forestale, carabinieri ed operai del Comune, guidati dal sindaco Nello Marzullo si sono recati nella contrada Lipurino per ispezionare quello che si credeva un gyser. Il buco, profondo circa 200 metri è stato transennato e si dovrà provvedere a sigillarne la bocca mentre il primo cittadino è intenzionato quando la temperatura salirà a livelli accettabili a monitorare tutta la zona perché, da segnalazioni avute negli anni, aveva appreso di altri avvistamenti simili. E secondo gli esperti il sottosuolo nebroideo presenterebbe tutte le caratteristiche per ospitare  formazioni carsiche.

Il secondo passo, come ci dice il primo cittadino Marzullo, intenzionato a non lasciare nulla di intentato pur di scoprire cosa c’è ’ sotto il suolo del suo paesino, è quello di far giungere a Floresta una squadra di speleologi e far loro ispezionare lo sfiatatoio che alla bocca si presenta con un diametro di circa un metro e mezzo ma che poi restringe mano a mano che si scende. Si era parlato anche di calore emesso da quello che sembrava un geyser ma invece, a detta degli esperti, il caldo non è altro che il prodotto del contrasto creato tra la temperatura del sottosuolo e quella esterna che attualmente a quella altitudine è di meno 5 gradi. Così si spiega l’assenza di neve attorno alla fessura ed il vapore emesso. Come dicevamo la zona è stata transennata e un divieto di accesso ne impedisce l’avvicinamento.

FRANCO PERDICHIZZI

 
 
Pagina stampata da http://www.quadrifoglionews.it
Vietata la copia e la distribuzione (anche parziale) senza la previa autorizzazione della redazione
Copyright 2004 - 2021 "Il Quadrifoglio News Online" supplemento elettronico
del mensile d'informazione e di annunci economici "Il Quadrifoglio News"