ZONA TIRRENICA (ME) - GLI ARRESTI DELLA DOLCE VITA IN ALCUNI LOCALI PUBBLICI NOTTURNI
DATA NOTIZIA: 15/10/2012 - FONTE NOTIZIA: Salvatore Calà
 
Di seguito il comunicato stampa della Polizia di Stato relativo all’operazione denominata “Dolce Vita”.

E’ possibile inoltre scaricare il video dell’operazione cliccando sul seguente link http://www.poliziadistato.tv/c_U2xvIDz5rx.

Fotografie, appostamenti, pedinamenti, mesi di indagini e riscontri sono l'articolato lavoro investigativo condotto dalla Polizia di Stato.

Ora professionisti, gente per bene dei Nebrodi, irreprensibili uomini timorati di Dio, mariti fedeli e moralisti sempre pronti a recitar omelie o sermoni nel nome della comune morale, temono che i loro nomi possano trapelare dai verbali quali bavosi abituè, frequenatatori di quei locali che tra Sant'Agata di Miltello, Torrenova, Caprileone e Caronia - ma anche nella zona di Brolo, ed a Patti se ne contano - erano diventati meta della loro serate, dove desiderare, toccare, approcciare una donna non era un problema in quanto bastava pagare e tutto era risolto.

La Polizia ha accertato che dietro le insegne di circoli privati e ritrovi c'erano i più classici dei "privè" con tanto di lap dance e salottini, poi a determinare se in quei luoghi c'era l'associazioni a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione sarà il Giudice, ma di fatto si sa che le ragazze, erano per lo più straniere, molto belle, e a volte figuravano anche come socie dei club e che i reati amministrativi si sono consumati a iosa.

Finito il clamore della vicenda giudiziaria, ammutolite le sirene delle volanti - che già questa notte, si leggeva su facebook, annunciavano una "retata" , si doveva stabilire solo per chi e per cosa - resterebbe di fare la solita analisi sulla provincia bacchettona e senza fantasia dove nei club privèe, vicino a vaccari con le scarpe sporche di fango c'erano anche notabili e professionisti, sicuri di aver sesso o sbirciante goderecce, a suon di euro, ma anche e sopratutto era, consapevolmente, vicino al dramma di chi è costretto a vendersi; di chi è costretta a farsi laidamente toccare e deve sorridere, facendo finta di godere, a chi di umano ha ben poco. Uomo che va condannato, e messo alla gogna, con ugual o più disprezzo da riservare a chi gestisce il mercato del sesso a qualsiasi latitudine si svolga questa attività.

Le indagini hanno permesso di disegnare i profili di tre distinte organizzazioni criminali, operanti autonomamente in ogni singolo locale, qui si reclutavano le donne, spesso straniere e si definiva anche la tipologia dei servizi da offrire ai clienti, che venivano da tutta l'isola.

Si spaziava dalle semplici consumazioni, agli spettacoli di lap dance o spogliarello; agli incontri nei privè,  anche alla "consumazione" di  rapporti sessuali all’interno ma anche all'esterno della sede del circolo stesso, in appartamenti o alberghi.

Storie complesse, profili umani differenti, ma certamente ci sentiamo di stare dalla parte delle ragazze costrette a prostituirsi.

Abbiamo idea da dove vengono, cosa hanno lasciato, come subiscono ricatti e violenze, come sono private della loro dignità, violate e violentante.

Tante "sconosciute", come nel film di Michele Placido, oggi finite sotto i riflettori, in Questura, ma che, questo momento,  potrebbe essere anche quello di recuperare libertà e dignità.

Anche qui la Magistratura, il Giudice, dovrebbe, come sopra, nel definire responsabilità, colpe, condanne, pensare ad azioni riabilitative, di recupero, di assoluzione e compensazione per colpe subite.

Ripilogando i dati dell'operazione:  la Polizia di Stato ha proceduto all’esecuzione di:

n. 3 sequestri di immobili sede dei locali notturni “Deja Vu” di Torrenova; “Dolce Vita” di Torrenova; “Dubai Night Club” di Caronia;

n.7 ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di: LO RE Giuseppe , GUEORGUIEVA Dimona Dimitrova, ALESSANDRINO Francesco, GALATI RANDO Vincenzo, HAMHODERA Jevgenia, OLIVIERI Alessandro, SANFILIPPO TABO’ Claudio Valentino.

n. 6 ordinanze di arresti domiciliari a carico di: SEMILIA Vincenzo, DILATI Emanuele, GALATI RANDO Andrea , GHEORGHIU Carmen Georgiana, CALA’ LESINA Sebastiano, MARINO Carmelo.

n.1 ordinanze di obbligo di dimora a carico di: GIARDINIERI Benedetto.

n.20 denunce all’autorità giudiziaria per apertura di locali pubblici senza licenza e associazioni a delinquere finalizzate allo sfruttamento della prostituzione.

 
 
Pagina stampata da http://www.quadrifoglionews.it
Vietata la copia e la distribuzione (anche parziale) senza la previa autorizzazione della redazione
Copyright 2004 - 2021 "Il Quadrifoglio News Online" supplemento elettronico
del mensile d'informazione e di annunci economici "Il Quadrifoglio News"