Q-MAGAZINE - MESSINA: ELEZIONI ASSOCIAZIONE NAZIONALE SANIT MILITARE
DATA NOTIZIA: 08/04/2017 - FONTE NOTIZIA: Salvatore Cal
 

Si è svolta a Messina, nella sede della sezione dell’Associazione Nazionale della Sanità Militare (ANSMI), l’elezione del Presidente e del Consiglio Direttivo.

Sono risultati eletti:

  • Ten. Col. me. Gr.Uff. PETRUNGARO dott. Angelo: Presidente;

  • Ten. me . GALLINA dott. Francesco: Vice Presidente;

  • 1° Cap. me. PUGLIA dott. Ettore, Consigliere;

  • S.T.V. me. CAMPISI dott. Antonino, Consigliere;

  • Prof. STURNIOLO dott. Giuseppe, Consigliere;

  • S.Ten. com. Cav. NASTASI dott. Giuseppe, Consigliere Tesoriere;

  • S.Ten. com. RUGGERI dott. Salvatore, Segretario;

  • Serg. BRIGUGLIO sig. Giuseppe, Alfiere.

Nella stessa giornata, data l’imminenza delle festività pasquali, si è tenuto un incontro conviviale con la partecipazione di numerosi Soci e Dame.

Il dott. PETRUNGARO, nell’occasione, ha ricordato i fasti della Sanità Militare risalendo alla nascita della Università Castrenze tra i campi di battaglia della prima Guerra Mondiale con un pensiero ai militari siciliani studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia di quella Università, osteggiata all’inizio in ambito accademico, ma altamente valida per la formazione scientifico-pratica dei futuri medici. Fra i quali si ricordano il S.Ten. medico Giuseppe CATALANO, classe 1893, che, durante la ritirata di Caporetto, ebbe la responsabilità dell’Ospedale da Campo e il S.Ten. medico Egidio PAFUMI cui fu affidata la Direzione di una postazione sanitaria.

La Sanità Militare si è sempre distinta per la missione profondamente umana caratterizzata dall’abnegazione e dallo zelo nell’assistenza agli infermi.

Bene disse il Gen.C.A. Ubaldo SODDU al Direttore generale di Sanità militare il 4 Giugno 1940 XVIII E.F. quando scrisse: “Non vi fu cimento che non vide scendere a schiere, sul campo dell’onore e del sacrificio, i medici militari e i generosi soldati di sanità”.

Essa ha operato per gli Ascari dell’Abissinia, della Libia, dell’Africa Orientale Italiana, per le Operazioni militari in Spagna, per la 2^ Guerra Mondiale sul fronte dei Balcani e sul fronte russo.

Anche dopo l’8 Settembre 1943 e la costituzione della Repubblica Sociale Italiana, molti furono i medici militari che continuarono la loro opera fedeli al motto: ”Fratribus ut vitam servares”.

Dr. Angelo PETRUNGARO

 
 
Pagina stampata da http://www.quadrifoglionews.it
Vietata la copia e la distribuzione (anche parziale) senza la previa autorizzazione della redazione
Copyright 2004 - 2021 "Il Quadrifoglio News Online" supplemento elettronico
del mensile d'informazione e di annunci economici "Il Quadrifoglio News"