Q-MAGAZINE - 10 FEBBRAIO: GIORNATA DEL RICORDO. SU INIZIATIVA DELLA SEZIONE DI MESSINA DELLASS. NAZ. DELLA SANIT MILITARE ITALIANA
DATA NOTIZIA: 17/02/2017 - FONTE NOTIZIA: Salvatore Cal
 

Su iniziativa della Sezione di Messina dell’Ass. Naz. della Sanità Militare Italiana (Commissario straordinario Gr. Uff. dr. Angelo PETRUNGARO) si è celebrata a Messina la Giornata del Ricordo delle vittime delle Foibe con una S. Messa officiata dal parroco don Gianfranco CENTORRINO nella Basilica S. Maria del Carmine.

Visualizzazione di Maria Pasquinelli 6.jpgHanno condiviso l’iniziativa: il Capo di Stato Maggiore della Difesa Gen. Claudio GRAZIANO, rappresentato in loco dal Comandante del 5° Rgt. Fanteria, Col. Roberto VERGORI; l’Ispettore Nazionale del Corpo Militare CRI, Magg. Gen. Gabriele LUPINI; S.lla Monica DIALUCE, Ispettrice Nazionale del Corpo delle II.VV. CRI; il Prof. Salvatore NASCE’, Presidente dell’U.N.C.R.S.I.; il Dott. Giacomo CAUDO, Presidente dell’Ordine dei Medici di Messina e l’On. Prof. Giuseppe SCALISI.

Presenti numerosi soci delle Associazioni combattentistiche e d’Arma fra cui il Gen. Giuseppe BRIGUGLIO, Presidente dell’U.N.U.C.I.; Ufficiali, militi e Sorelle rispettivamente del Corpo Militare e del Corpo delle II.VV. della CRI; nonché una nutrita rappresentanza delle Associazioni degli esuli giuliani e dalmati.

L’uso criminale delle foibe era iniziato subito dopo l’8 Settembre 1943 quando era avvenuta una parziale invasione della terra istriana.

Ma nel biennio 1945-1947 esso raggiunse il culmine, portando in quel popolo italiano il martirio. Tutto in conseguenza dello sciagurato accordo del 6 Febbraio 1945 stipulato a Jalta fra Inglesi, Americani e Sovietici.

Oltre mezzo secolo è trascorso nel silenzio e nell’oblìo dei fatti accaduti nella Venezia Giulia e in Dalmazia dove oltre agli infoibamenti c’è stato il conseguente esodo di oltre 300 mila persone da Fiume, Pola, Zara per sfuggire alle inenarrabili atrocità compiute dai comunisti – slavi e non – sugli Italiani di quelle terre.

Quando le bande comuniste di Tito scesero nella Venezia Giulia fu ammainato il Tricolore.

Era il 10 Febbraio 1947, data in cui l’Italia firmava a Parigi il Trattato di Pace le cui condizioni, imposte dagli Alleati, sul piano territoriale erano molto dure per essa e costarono la vita al Comandante delle truppe alleate a Pola ad opera della patriota Maria PASQUINELLI.

L’invasione dell’Istria portò il terrore, le torture, gli infoibamenti che interessarono uomini, donne, bambini, militari, civili, giovani, vecchi, colpevoli solo di essere Italiani e per ciò latini.

Non solo degli infoibamenti si macchiarono i comunisti di Tito, ma anche degli annegamenti di tanti soldati d’Italia nell’”amarissimo mare”, l’Adriatico.

L’uso delle foibe è stato frutto di una lucida strategia: seminare il terrore per costringere gli Italiani a lasciare quelle terre che il nazionalismo slavo voleva come proprie.

Nelle voragini carsiche gli Italiani venivano buttati vivi, legati ai polsi gli uni gli altri con il fil di ferro e una volta sparato al primo egli si trascinava tutti gli altri i quali venivano fatti morire o lentamente o per lo scoppio di bombe.

I profughi giuliani e dalmati che viaggiavano in vagoni merci con bambini e vecchi – quando giunsero alla stazione di Bologna – soffrirono l’ostilità della gente e non poterono nemmeno scendere per prendere un bicchier d’acqua. Vennero presi anche a sassate in quanto ritenuti fascisti e non Italiani che fuggivano dall’incalzante orda bolscevica.

Quando andò loro bene si scontrarono con l’indifferenza più gretta. Nel ringraziare gli intervenuti, il dr. PETRUNGARO ha ribadito l’importanza di ricordare, ma per farlo – ha detto – bisogna conoscere la Storia.

Dr. Angelo PETRUNGARO

 
 
Pagina stampata da http://www.quadrifoglionews.it
Vietata la copia e la distribuzione (anche parziale) senza la previa autorizzazione della redazione
Copyright 2004 - 2019 "Il Quadrifoglio News Online" supplemento elettronico
del mensile d'informazione e di annunci economici "Il Quadrifoglio News"