ROMA - ESCE OGGI IL NUOVO LIBRO SUL COMMISSARIO MONTALBANO
DATA NOTIZIA: 23/10/2014 - POSTATA DA: Scaffidi Catrinella Lorenzo
 

Esce oggi 23 ottobre in tutte le librerie italiane, l’ennesimo ed attesissimo libro sul commissario Montalbano, creato dalla penna del maestro Andrea Camilleri.Pubblicato dalla casa ediditrice palermitana Sellerio al prezzo di 14 euro, in questa nuova opera lo scrittore agrigentino ci narrerà le gesta del commissario in età più giovane, quando affrontava i primi casi nel commissariato di Vigata. Nell’opera sono presenti 8 indagini di un Montalbano giovane e senza paura, irruente, audace, pistola in mano, carica, e carico di risorse investigative, con largo uso di «sfunnapedi» e «trainelli».
Il suo amore con Livia vive la stagione più bella, quella della passione e dell’urgenza di stare sempre insieme; il commissariato di Vigàta è abitato dai personaggi che i lettori di Camilleri conoscono bene, sono i rapporti di Montalbano con i sottoposti che sono diversi: con Fazio il legame è ancora gerarchico, Augello è l’impenitente dongiovanni della prima ora, la sua insopprimibile brama di conquiste mette addirittura in pericolo, nel corso di una indagine, la vita di Montalbano; lucido, veloce è però il migliore compagno di strada del commissario; uno sbatacchiare di porte infine, segna l’entrata sulla scena di Catarella. A Montelusa il questore è Burlando, paterno, di larghe vedute: in fondo quel commissario intemperante gli piace e gli copre ben volentieri le spalle in qualche occasione.
I racconti sono situati negli anni Ottanta, un’Italia in cui si muovono fatti e personaggi di quella stagione, dall’affare Sindona all’attentato a Giovanni Paolo II. Montalbano si trova alle prese con indagini di tutti i tipi, dalla speculazione edilizia, ai contrasti familiari, il rumore di fondo però è quello della mafia.

Di questo romanzo, l’autore Camilleri afferma: «L’impulsività, il tendenziale non rispetto per le regole, è assai più evidente in Montalbano giovane; non che nel Montalbano adulto si perda, non è che nasce incendiario e muore pompiere. Rimane sempre incendiario, solo “criptato”. Nelle indagini, Montalbano giovane è più veloce del Montalbano adulto; la maturità l’ha portato, prima di formulare un’accusa, ad esserne profondamente convinto, mentre al giovane basta esserne convinto al 70%. Ma l’essenziale e fondamentale caratteristica in entrambi è di avere un cervello speculativo».

 
 
Pagina stampata da http://www.quadrifoglionews.it
Vietata la copia e la distribuzione (anche parziale) senza la previa autorizzazione della redazione
Copyright 2004 - 2019 "Il Quadrifoglio News Online" supplemento elettronico
del mensile d'informazione e di annunci economici "Il Quadrifoglio News"