ROMA - SINDROME DI DOWN:A BREVE IN ITALIA IL TEST USA
DATA NOTIZIA: 06/12/2013 - POSTATA DA: Scaffidi Catrinella Lorenzo
 
Uscirà fra poco in Italia il test del «DNA libero» o «DNA fetale» per verificare la sindrome di Down.
Già in uso negli Stati Uniti dal 2011, viene presentato come valida alternativa all’amniocentesi e all’esame dei villi coriali: Questi, infatti, sono gli unici esami fino ad oggi considerati in grado di rilevare eventuali difetti cromosomici del nascituro individuando, quindi, la sindrome di Down ma sono considerati non sicuri a causa del connesso rischio di aborto. In America ha avuto molto successo, considerando che l’affidabilità viene valutata intorno al 99,5%, mentre in Italia si sono già levate alcune voci che ne contestano l’utilità.
 Queste sostengono, infatti, che il test, che dovrebbe sostituire amniocentesi ed esame dei villi coriali, qualora risultasse positivo, andrebbe, in ogni caso, essere convalidato proprio dall’amniocentesi.
 Di contro, molti ritengono che i dati provati e dimostrabili negli Stati Uniti e in altri Paesi relativi a tale test lo rendono in grado di garantire maggiore sicurezza alle donne che vogliano indagare la condizione del nascituro.

 

 
 
Pagina stampata da http://www.quadrifoglionews.it
Vietata la copia e la distribuzione (anche parziale) senza la previa autorizzazione della redazione
Copyright 2004 - 2021 "Il Quadrifoglio News Online" supplemento elettronico
del mensile d'informazione e di annunci economici "Il Quadrifoglio News"