Dettagli
Mercoledì 12 Maggio 2021 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
un fiocco giallo per la giornata mondiale della libertà di stampa
 
UN FIOCCO GIALLO PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA LIBERTÀ DI STAMPA
un fiocco giallo per la giornata mondiale della libertà di stampa
Dettagli
 
Acquista questo spazio
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: http://www.key4biz.it
Eventi, GIORNALISTI

Si celebra oggi la Giornata Mondiale della libertà di stampa (World Press Freedom Day). Una giornata per ricordarne l'importanza e per condannare tutti quei Paesi che ancora non garantiscono ai propri giornalisti d'esprimere liberamente le proprie idee. 

In questa giornata il pensiero va all'inviato italiano della Stampa, Domenico Quirico, scomparso in Siria da tre settimane e di non cui si hanno più notizie.

Era lì per fare il suo lavoro e vedere in prima persona, per raccontarlo al mondo, cosa accade in quel Paese, con quella professionalità che ha sempre contraddistinto i suoi articoli, scritti con obiettività e senza faziosità.

E per questa giornata la FNSI ha chiesto a tutti i giornali di apporre un fiocco giallo: "Iniziativa straordinaria per il rispetto del lavoro dei giornalisti, per Domenico Quirico e tutti i giornalisti impediti di comunicare o fermati nei luoghi di guerra".

Usigrai ha invitato tutti a stringersi intorno alla famiglia di Quirico e alla redazione della Stampa con un gesto simbolico: scegliendo per un giorno il nastro giallo come foto del proprio profilo Facebook e Twitter

Oggi a Perugia, alla manifestazione promossa dall’Unione Nazionale Cronisti Italiani (Unci), insieme con FNSI e ODG, il sindacato unitario dei giornalisti ha proposto un appello straordinario per il ritorno alla piena libertà di movimento e di parola di Quirico.

Con la giornata di oggi, nel celebrare il 20° anniversario dell’Unesco per la libertà di Stampa, la FNSI intende mettere a fuoco l’implementazione dei piani di azione per la sicurezza dei giornalisti nel mondo e la lotta contro l’impunità: gli attacchi e le violenze contro i media e i giornalisti, intaccando l’informazione quale bene pubblico primario per l’affermazione dei diritti dei cittadini e la formazione libera delle opinioni pubbliche, sono da considerare crimini contro l’umanità.

E' con questo spirito che vent'anni fa venne istituita la Giornata Mondiale per la libertà di Stampa, proclamata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1993, finalizzata a tutelare e promuovere i principi della libertà di opinione ed espressione nonché il diritto di ogni individuo di ricevere e diffondere informazioni e idee e, a sua volta, di fruirne. Diritti peraltro già sanciti dall'articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e dall'articolo 10 della Convenzione Europea per la Salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà Fondamentali. 

La libertà di espressione non è ancora garantita. E' questo l’appello a un maggiore impegno da parte di Ban Ki-moon.

“Dobbiamo fare molto di più”, ha detto il segretario generale dell’Onu, aggiungendo “Servono maggiori tutele attraverso il rispetto della legge. Esorto tutti a fare il possibile per tradurre le parole in azioni concrete per creare un ambiente più sicuro per i media”.

"Garantire la libertà d'espressione in tutti i media", ha tweettato oggi il Commissario Ue alla Digital Agenda Neelie Kroes.

Mentre l'Alto Rappresentante Ue per la Politica estera e la sicurezza, Catherine Ashton, ha sottolineato come "in ogni società democratica" sia indispensabile "una stampa libera, indipendente e vivace".

"La Ue - ha sottolineato - è determinata a lottare per la libertà di stampa in tutto il mondo e condanna l'aumento costante delle intimidazioni, della violenza e della censura a cui i giornalisti sono sottoposti in molti Paesi".

Angela Mills, direttore esecutivo dell'EPC (European Publishers Council), ha osservato come purtroppo oggi la libertà d'espressione non possa essere data per scontata, riferendosi al caso dell'Ungheria, dove è in atto il tentativo delle forze politiche di governo di limitare la libertà d'espressione e di stampa.

Ma non sono solo le minacce politiche a mettere in pericolo la libertà di stampa, ha indicato la Mills, anche quelle economiche.

"E' fondamentale - ha quindi osservato - che i media tradizionali e i nuovi siano in grado di costruire modelli di business sostenibili per finanziare contenuti di qualità".

In questo senso ha ricordato anche il grande lavoro fatto per garantire il diritto d'autore online.

Sugli aspetti economici che riguardano il settore s'è anche soffermata l’Efj, la Federazione Europea dei giornalisti, ribadendo la necessità di promuovere il giornalismo come bene pubblico, in un’epoca di austerità, di ristrutturazioni aziendali e di commercializzazione dei media senza precedenti.

“Siamo preoccupati - ha detto il presidente Efj, Arne König - nel vedere che migliaia di giornalisti hanno perso il lavoro negli ultimi mesi in tutta Europa, alcuni colpiti dai tagli di posti di lavoro e altri per essere stati assegnati a posizioni più precarie”.

"Il lavoro precario - si legge nella nota- e la mancanza d’investimenti in risorse umane hanno un impatto importante sulla qualità dell’informazione e della libertà di stampa”.

Raffaella Natale

Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2021 * Tutti i diritti riservati