Dettagli
Lunedì 25 Ottobre 2021 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
tiger brolo: con l'aci s.antonio non c'è stata nessuna aggressione!
 
TIGER BROLO: CON L'ACI S.ANTONIO NON C'È STATA NESSUNA AGGRESSIONE!
tiger brolo: con l'aci s.antonio non c'è stata nessuna aggressione!
Dettagli
 
Acquista questo spazio
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Salvatore Calà
Sport, BROLO (ME)

La societa' Asd Tiger  in riferimento alle dichiarazioni rilasciate su numerosi quotidiani, siti internet specializzati e social network dal sig. Palma Santo, direttore sportivo dell'Aci S. Antonio in merito alle presunte aggressioni subite nella gara disputata a Brolo da alcuni loro tesserati ci tiene a precisare che tali dichiarazioni sono false e prive di  fondamenta.

Vorremmo far presente al sig. Palma che sia il direttore generale Scaffidi che il ds Magistro erano presenti nella distinta ufficiale della gara in oggetto rispettivamente alla voce "dirigente addetto al direttore di gara" e "dirigente accompagnatore" (vedi foto allegata).

Nessuna invasione di campo quindi,come nessun vostro tesserato ha subito danni fisici.

Ad uno scontro di gioco, purtroppo sono partite le solite scaramucce e l'ingresso dei nostri dirigenti era volto soprattutto a mantenere gli animi più sereni. Se si sono alzati i toni chiediamo scusa come tra l'altro già fatto dal nostro presidente.

Invitiamo dunque il sig. Palma a non rilasciare dichiarazioni che tendono a screditare un paese come Brolo ed una società come la Asd Tiger che ha fatto dell'ospitalità' il proprio biglietto da visita  di non pubblicare foto( da noi subito rimosse ) dei dirigenti sopracitati inneggiando alla violenza sulla nostra pagina facebook  perché il suo è un atto grave perseguibile di legge come diffamazione .

Non vorremmo pensare che il sig. Palma voglia fomentare qualche tifoso, non crediamo che un dirigente esperto come lui scenda a simili bassezze. Abbiamo ricevuto inviti a non venire alla gara di ritorno, abbiamo letto commenti e dichiarazioni che non fanno sicuramente pubblicità positiva ad una società seria come l'Aci S.Antonio e che miravano a intimorire qualcuno a non presenziare alla gara di ritorno. Vi comunichiamo sin da adesso che saremo presenti, sicuri di trovare un ambiente sereno.

Giuseppe Buonocore (addetto stampa A.S.D. Tiger)



Direttamente su Facebook il commento del dirigente dell'Aci Sant'Antonio.


ahhaahhaahahahahah , allora vivono in un'altra realta' , mai parlato del paese Brolo, ed anche la federazione ha le allucinazioni, l'unica verita'? la loro .

Ribadisco al ritorno la societa' Aci S:Antonio dimostrera' cosa e' capace di fare in tema di ospitalita'.

Le squalifiche parlano chiaro.

Fine delle trasmissioni da questo momento non rispondero piu' a nessuna provocazione.

 


LE DICHIARAZIONIDI PALMA A Golsicilia.it

Palma a GS.it: «Brolo? Episodi che fanno male al calcio»


Santo Palma, direttore dell’Aci Sant’Antonio, racconta in esclusiva a Golsicilia.it, lo spiacevole evento accaduto sabato sul finire del match tra Tiger Brolo e Aci Sant’Antonio.

Episodio che ha portato alla squalifica di: Giovanni Scafidi direttore generale della Tiger Brolo inibito fino al 15 ottobre e del direttore sportivo Antonio Magistro inibito fino al 20 novembre.

Direttore, ci spieghi quello che è accaduto all’89’ del match tra Tiger Brolo e Aci Sant’Antonio.

«Nel pre-partita ci siamo presentati col presidente del Tiger Brolo che ci ha accolti ottimamente. La partita scorreva normalmente quando inspiegabilmente, due minuti dopo la loro rete, all’89’ circa, si verificò un contrasto di gioco tra due giocatori: Amico e Calabrese.

I due calciatori in questione innescarono tra loro un piccolo parapiglia: i soliti momenti di nervosismo che possono capitare dentro un campo da calcio.

La situazione sembrava sotto controllo fino a quando i due dirigenti del Tiger Brolo pensarono di lasciare le loro postazioni per accorrere sul terreno di gioco: cercando di risolvere un problema che neanche esisteva.

Vorrei evidenziare, inoltre, che queste due persone non erano neanche iscritte in distinta e che quindi non avevano nessun titolo personale per entrare in campo.

Una volta sul terreno di gioco si misero ad aggredire chiunque dei miei giocatori gli venisse sotto tiro.

A dir la verità fu una situazione molto ma molto spiacevole perché due altissime cariche di una società di calcio, direttore generale e direttore sportivo, non si possono mai e poi mai macchiare di un atto del genere.

Nella giornata di ieri sono state rese note le squalifiche e a testimonianza di quanto detto: entrambi i dirigenti del Tiger Brolo vengono contestati di aver commesso gravi atti di violenza ai giocatori avversari. La pena mi ha lasciato un po’ perplesso, infatti, a mio parere, non è consona alla gravità dell’accaduto.

Mi sembra alquanto impossibile che un tesserato della federazione accusato di aggressione nei confronti di un giocatore avversario riceva soltanto quindici giorni o quarantacinque giorni di inibizione: a mio parere, la pena inflitta è troppo esigua e non vorrei che diventi un precedente per tutti coloro che vogliano comportarsi in questa maniera».

Da quanto abbiamo appreso il presidente del Tiger Brolo si è scusato a fine partita con voi per l’accaduto.

«L’unica persona per bene che ho avuto modo di conoscere in questa trasferta è stato il presidente Tripi che in tutti i modi ha cercato di scusarsi e di scusare la sua società su quanto accaduto.

Noi certamente le scuse del presidente del Tiger Brolo le accettiamo ma è anche vero che non può farsi rappresentare e fare rappresentare la propria società da due altissimi dirigenti che si macchino di gesti del genere.

Ripeto, noi accettiamo le scuse del presidente ma allo stesso tempo ci aspettiamo molto di più da lui considerato che è un uomo si sport, di grandissima cultura e signorilità. Se non dovesse prendere alcun provvedimento nei confronti dei suoi tesserati accetteremo le scuse ma non sotto l’aspetto sportivo».

Avete intenzione di fare un esposto per le decisioni del giudice sportivo?


«Probabilmente si, faremo un esposto perché riteniamo esigue le pene.

Ci aspettavamo anche la squalifica del campo. Se una federazione accerta che due alti dirigenti abbiano fatto l’invasione come hanno fatto loro, allora lì dovrebbe scattare la squalifica del terreno di gioco.

Noi faremo un esposto solo per far si che questi atti gravi vengano condannati in maniera totalmente diversa e non con soli quindici o quarantacinque giorni di inibizione così come è stato.

Concludo dicendo che tutto questo discorso non è per noi una scusante per modificare il risultato acquisito sul campo: quello noi lo accettiamo, frutto di una bellissima partita sia da parte nostra che da parte loro».

Orazio Gaspare Ardizzone

Tratto integralmente da http://www.golsicilia.it/articoli/6228/Palma-a-GSit-Brolo-Episodi-che-fanno-male-al-calcio/

Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
Al momento non vi sono notizie da visualizzare
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2021 * Tutti i diritti riservati