Dettagli
Domenica 20 Settembre 2020 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
il dissesto di sfaranda finito nel dimenticatoio
 
IL DISSESTO DI SFARANDA FINITO NEL DIMENTICATOIO
il dissesto di sfaranda finito nel dimenticatoio
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Salvatore Calà
Attualità, CASTELL'UMBERTO (ME)

Da due anni poco o niente è stato fatto nella frazione *

Per il dissesto idrogeologico della popolosa contrada Sfaranda, che novità ci sono? Una domanda che si fanno e fanno a chi di competenza gli oltre 1000 abitanti della contrada del centro umbertino, che da oltre due anni stanno lottando contro i mulini al vento, dato che nel corso di questi tantissimi mesi e giorni, si sono fatte solo promesse senza che il problema sia stato risolto.

Una situazione che non fa dormire sonni tranquilli, alla popolazione che ancora vi risiede e che chiede solo di poter tornare ad una vita tranquilla, dopo il devastante dissesto idrogeologico che ha colpito il territorio e che ha portato numerose famiglie ad abbandonare le proprie abitazioni.

Sull’argomento abbiamo sentito telefonicamente il primo cittadino Alessandro Pruiti Ciarello, che abbastanza fiducioso nelle istituzioni, ci ha spiegato che a giorni si dovrebbe svolgere una conferenza di servizi, che dovrebbe dare l’input necessario per potere finalmente dare il via ai lavori di messa in sicurezza della contrada.

Per i cittadini di Sfaranda, comunque le cose sono sempre bloccate, o meglio sono ferme a quel famoso consiglio comunale convocato dal presidente  del consiglio Vincenzo Lionetto, che si è svolto all’interno  locali del centro Sociale Franco Catena della contrada, adibito adesso a chiesa, a cui dovevano essere presenti numerosi parlamentari, regionali e nazionali per portare certezze e speranze alla popolazione. Ma allora fu un’altra presa in giro, come dicono in coro diversi cittadini di Sfaranda, “dato che si sono presentati solo i deputati regionali Filippo Panarello e Francesco Rinaldi, quelli nazionali Vincenzo Galofaro e Francesco Stagno D’alcontres e il consigliere provinciale Dino Galati.

Mentre gli altri rappresentati della nostra politica hanno declinato l’invito”. Nei loro interventi, gli onorevoli presenti, avevano assicurato che i tanto chiacchieri Fondi Fas, sarebbero stati sbloccati ed impegnati per le problematiche del territorio messinese, già dallo scorso mese di gennaio e che dei circa 44 milioni di euro, che dovevano arrivare dalla Regione Siciliana, una parte sarebbero state impiegate per i lavori di messa in sicurezza della borgata di Sfaranda.

Il sindaco Pruiti, in quell’occasione abbastanza amareggiato per l’assenza dei numerosi deputati aveva invitato i propri concittadini a ricordarsi, degli onorevoli e senatori assenti, quando sarebbero stati chiamati a votare per le elezioni regionali e nazionali.

A questo si deve aggiungere, che nella primavera del prossimo anno, nel centro nebroideo si svolgeranno le amministrative per il rinnovo della cariche di sindaco e consiglio comunale.
Salvatore Calà


Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
Al momento non vi sono notizie da visualizzare
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2020 * Tutti i diritti riservati