Dettagli
Martedì 22 Maggio 2018 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
depuratore comunale sotto sequestro
 
DEPURATORE COMUNALE SOTTO SEQUESTRO
Zoom IMMAGINE
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Gazzetta Del Sud
Cronaca, PROVINCIA

Gli uomini del Commissariato di Patti congiuntamente a personale della Delegazione di Spiaggia – Guardia Costiera di Patti Marina, hanno dato esecuzione ad un’articolata ordinanza di sequestro relativa all’impianto del depuratore comunale di Patti (che finisce così affidato ad un custode giudiziale) nonché dei mezzi di una nota ditta specializzata di Capo d’Orlando, concessionaria del servizio di prelievo e smaltimento dei reflui della rete fognaria di Patti. I fatti accertati si articolano lungo due diverse direttrici.

Tra il 2013 ed il 2014, attraverso l’analisi su campioni di reflui in uscita dal depuratore comunale di Patti, la polizia giudiziaria operante, di concerto con il personale specializzato dell’ARPA, aveva avuto modo di accertare il netto superamento dei limiti batteriologici e chimici consentiti, indice dell’inefficacia del processo di depurazione dell’impianto (che scarica in mare attraverso una condotta sottomarina ad oltre 40 metri di profondità).

Successivi approfondimenti investigativi consentivano di comprendere le cause del malfunzionamento, riconducibili a precise condotte omissive degli amministratori del comune di Patti (i Sindaci susseguitisi nel periodo tra il 2011 ed il 2014, un assessore e responsabili dell’Ufficio Tecnico competente) che, tralasciando di assolvere agli obblighi contrattuali e normativi in materia incombenti sull’ente comunale, e disattendendo le pur esplicite richieste e diffide rivolte loro dalle ditte private concessionarie della gestione dell’impianto comunale (segnatamente connesse alla fornitura dei mezzi per lo smaltimento dei fanghi), hanno impedito il corretto svolgimento del ciclo funzionale di depurazione e consentito lo scarico in mare di liquidi destinati a compromettere la salubrità delle acque marine e la salute delle persone che con esse vengono ordinariamente a contatto. Per altro verso, nel corso delle complesse attività investigative esperite, è emersa la ricorrente prassi della ditta incaricata del servizio di stasatura e pulizia della rete fognaria di smaltire i rifiuti liquidi raccolti immettendoli nell’impianto di depurazione comunale, peraltro privo di autorizzazione all’uopo, ovvero sversandoli dentro un pozzetto della condotta fognaria stessa.

La circostanza, si legge nel comunicato diffuo dalla Questura di Messina, si accertava essere prassi scientemente determinata dalla stessa società concessionaria, peraltro esplicitamente assentita – con un provvedimento autorizzatorio illegittimo - da taluni rappresentanti del Comune di Patti che avrebbero dovuto vigilare al riguardo. I reati contestati vanno dal getto pericoloso di cose, alla violazione delle Norme del Testo Unico Ambientale (D. Lgs n°152/2006), anche in punto di illecito smaltimento di rifiuti speciali liquidi. Sono dieci le persone sottoposte ad indagini. I beni sequestrati si riassumono nell’impianto di depurazione comunale del Comune di Patti, affidato in Giudiziale Custodia, onde garantire le corrette procedure di trattamento dei fanghi da parte del gestore e in tre automezzi della ditta specializzata adibiti al trasporto di rifiuti smaltiti illecitamente all’interno dell’impianto di depurazione.
Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Zoom IMMAGINE
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2018 * Tutti i diritti riservati