Dettagli
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
i pm: quattro ergastoli e 106 anni di carcere
 
I PM: QUATTRO ERGASTOLI E 106 ANNI DI CARCERE
Zoom IMMAGINE
Dettagli
 
Dettagli
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Gazzetta Del Sud
Cronaca, MESSINA E PROVINCIA

Quattro ergastoli. E poi condanne per un totale di 106 anni di reclusione, “divise”tra gli altri 9 imputati. E una requisitoria scritta di ben 767 pagine, dove in pratica c’è la storia di Cosa nostra barcellonese sin dagli anni ’90 e fino ai nostri giorni, con gli ultimi “aggiornamenti” forniti dai collaboratori di giustizia. Eccezion fatta per il boss Carmelo D’Amico, i cui verbali rimangono “top secret” e ancora non sono stati depositati in nessun procedimento in corso dalla Distrettuale antimafia peloritana.

Ecco il giorno dell’accusa al processo contro il clan mafioso dei Barcellonesi scaturito dall’operazione antimafia “Gotha-Pozzo 2” del 2011, che ieri mattina davanti alla Corte d’assise di Messina presieduta dal giudice Nunzio Trovato ha avuto il suo epilogo dopo due anni di dibattimento e praticamente un’udienza a settimana. Un processo che cominciò nel settembre del 2012.

Ieri i sostituti procuratori della Dda Vito Di Giorgio, Angelo Cavallo e Giuseppe Verzera hanno chiesto il carcere a vita per Salvatore Calcò Labruzzo, Enrico Fumia, Carmelo Giambò e Nicola Munafò. Hanno chiesto la condanna anche per tre pentiti che con le loro dichiarazioni hanno dato un importante contributo alle indagini dei carabinieri del Ros.

In particolare i magistrati hanno chiesto 5 anni per l’ex boss dei Mazzarroti, Carmelo Bisognano, mentre per il catanese Alfio Giuseppe Castro la pena sollecitata è di 4 anni e 6 mesi, per Santo Gullo la condanna a 12 anni e 6 mesi.

Oltre all’attenuante speciale per tutti e tre i collaboratori, i pm hanno chiesto di applicare la prescrizione ad alcuni dei reati contestati a Bisognano e Gullo, tra cui alcuni omicidi, proprio in virtù della concessione dell’attenuante per i collaboranti.

Ecco le altre condannate richieste: 18 anni ciascuno per Tindaro Calabrese e Giuseppe Isgrò, 15 anni per Nicola Cannone, 12 anni per Zamir Dajcaj, 15 anni per Angelo Porcino, 6 anni per Salvatore Puglisi (la posizione di Mariano Foti è stata stralciata per motivi di salute, e rinviata al 14 novembre). Per quel che riguarda le quattro richieste d’ergastolo, bisogna fare una distinzione a seconda degli imputati, in relazione ai cinque omicidi contestati. A Calcò Labruzzo sono attribuiti gli omicidi Triscari Barberi e Lupica, a Fumia gli omicidi Perdichizzi e Munafò, a Giambò l’omicidio Ballarino, a Munafò l’omicidio Perdichizzi.
Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
Al momento non vi sono notizie da visualizzare
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2018 * Tutti i diritti riservati