Dettagli
Sabato 19 Giugno 2021 - Direttore Responsabile Salvatore Calà
Dettagli
una trentina di righe, per buttare fango o fatti concreti?
 
UNA TRENTINA DI RIGHE, PER BUTTARE FANGO O FATTI CONCRETI?
una trentina di righe, per buttare fango o fatti concreti?
Dettagli
 
Acquista questo spazio
 
Pagina precedente Invia a un AMICO Stampa questa NOTIZIA
FONTE NOTIZIA: Salvatore Calà
Attualità, SINAGRA (ME)

Una trentina di righe “orfane di nascita” girano da ieri per il paese. A dare la notizia ufficiale era stato, nel corso degli ultimi lavori consiliari, lo stesso sindaco Vincenza Maccora che aveva, per l'occasione, ribadito la fiducia al tecnico Calogero Sirna.

Il paese è piccolo e procurarsi una copia è facile. Al di la delle domande, tutte da verificare per capire se si tratta di fango o di fatti concreti, c'è il fatto che Sinagra è un paese dove tutti si conoscono e a dare una “patente” ci mettono poco. I “dazibao”(La Costituzione cinese garantiva il diritto di scrivere ed attaccare dazibao personali, considerati un'importante forma di democrazia rivoluzionaria.) sono spuntati la mattina di sabato e in parte sono stati distrutti o “requisiti”(si fa per dire) di prima mattina dalla polizia municipale.

Il paese non è nuovo a questa forma di “espressività” più o meno informata. Di solito i “senza nome” si limitano a fare domande di carattere generale che non vanno oltre il pettegolezzo. Questa volta “l'acta notturna” sembra più raffinato; mi tira pure in ballo attribuendomi comportamenti che vanno preventivamente chiariti sui principi generali.

Il dipendente deve sempre uniformare i comportamenti all'art 98 della Costituzione che dice “I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione”. Da sempre sono un costituzionalista convinto. Il giornalista poi non dice no a nessuno, valuta i fatti, racconta la verità, può anche sbagliare e non è il megafono del potere. Anzi spesso è chiamato a fargli da “cane da guardia” per conto dei cittadini e della verità. Per questo la legge lo libera da autorizzazioni e pastoie in odor di censura e lascia al lettore ogni giudizio.

Di suo “deve solo tenere la schiena dritta” Torniamo all'anonimo. A chi serve il manifesto? Non certo alla buona politica perché ipotizza ciò che nella “res pubblica” non si dovrebbe mai fare; men che meno all'immagine del paese mentre le forze dell'ordine non hanno bisogno, se del caso, del ”corvo o dei corvi” per indagare. Il passaggio su chi ha “detto no” sa tanto di “cortina fumogena. E allora perché rischiare la figuraccia di essere sgamato ad appiccicare fogli alle porte del comune e per giunta in un giorno di pioggia?

Chi lo ha fatto pensava di passare inosservato? Quel riferimento al funzionario, prossimo a essere silurato“ apprezzato dal tribunale e delle forze di polizia a cosa mirava? Roba da commissario Montalbano.

Mi sembra di rivivere nella Sicilia del primo novecento tra gabellotti, campieri, contadini, censi, ricatti velati e baroni stretti dalla storia e dalla “lupara” e sullo sfondo le note di: “se potessi avere mille lire al mese...” I tempi cambiamo, la “spending review” incombe. Mi piace chiudere con “Via col vento”...domani è un altro giorno... si vedrà.. E tutto per non mettere una sigla di civiltà.

Enzo Caputo

Quadrifoglionews Sponsor
QUICK LINK
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Zoom IMMAGINE
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
Dettagli sponsor
 
Quadrifoglionews Meteo
METEO LIVE
Quadrifoglionews
RICERCA NOTIZIE
Cerca notizie nell'archivio news per Paese o Titolo
 
Quadrifoglionews
NEWSLETTER
Se vuoi ricevere le nostre news, inserisci quì la tua EMAIL
 
News
NOTIZIE + LETTE
 
News
ARCHIVIO NEWS
 
 
 
IL Quadrifoglio News Online - Quotidiano D'informazione e Annunci
Copyright © 2004 - 2021 * Tutti i diritti riservati